Navigazione: Vai all'inizio del testo (salta il menu di navigazione), Vai alla ricerca, Vai alla selezione lingua, Via ai link importanti, Vai alle informazioni aggiuntive (salta il contenuto) Vai al menu di navigazione principale,

A A A

News

Prendete precauzioni per proteggere la vostra casa durante le vacanze!

, 12. giugno 2013 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese giugno 2013 «I 10 migliori consigli sulla sicurezza per i viaggiatori»

Che amara sorpresa quando al rientro dalle ferie ci si accorge che la propria casa è stata svaligiata dai topi d’appartamento! Oltre alla perdita finanziaria per molte vittime risulta scioccante constatare che estranei si siano introdotti nella loro sfera privata, abbiano frugato dappertutto rubando oggetti di valore affettivo.

Ma è possibile prevenire tutto ciò! E prevenzione non significa necessariamente investimenti costosi. Anche dispositivi modesti e soprattutto precauzioni che non costano niente prese in fase di preparazione del viaggio possono far desistere ladri e scassinatori dal mettere a segno i loro colpi.

Troverete consigli speciali per il periodo delle vacanze nella nostra checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi».

Altri suggerimenti per rendere più sicura la vostra abitazione sono reperibili nella nostra brochure «Furto – non in casa mia».

Stilate un elenco degli oggetti di valore che portate con voi in vacanza.

, 10. giugno 2013 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese giugno 2013 «I 10 migliori consigli sulla sicurezza per i viaggiatori»

In collaborazione con l‘«Associazione per le informazioni sulla sicurezza », SKP ha redatto un elenco degli oggetti di valore che può essere scaricato come documento PDF oppure in formato Word.

In caso di furto, un elenco degli oggetti di valore compilato con cura, può essere molto prezioso per la polizia, poiché contiene tutte le informazioni relative agli oggetti di valore.

Un elenco degli oggetti di valore

  • facilita la denuncia presso la polizia,
  • semplifica le gestione della pratica con l’assicurazione domestica.

 

Potete scaricare l’elenco degli oggetti di valore e compilarla direttamente al computer.

Ecco i nostri consigli in merito:

  • per gli oggetti di difficile descrizione, inserite delle immagini degli stessi nell’elenco degli oggetti di valore.
    Queste immagini possono essere di grande aiuto per il ritrovamento degli oggetti.
  • Evidenziate gli oggetti di valore sprovvisti di codice identificativo, come p.es. televisori, impianti video e stereo, fotocamere e camcorder. Questa procedura è utile per dimostrare di essere i proprietari dell’oggetto in caso di furto e per un’eventuale sequestro da parte della polizia.
    Invece di un’incisione, che non può essere realizzata su tutti gli oggetti, possono essere usati appositi inchiostri per evidenziatura, applicabili con effetto visibile o invisibile, che si caratterizzano per l’elevata resistenza all’abrasione e l’elevato potenziale di riconoscibilità.
  • Custodite l’elenco degli oggetti di valore originale, assieme alle fatture di acquisto e alle fotografie, in un luogo sicuro (p.es. nella cassetta di sicurezza di un istituto bancario). Potete inoltre conservare in casa una copia dell’elenco degli oggetti di valore.

Altre informazioni su www.skppsc.ch

Scarica l’elenco degli oggetti di valore come documento Word o come documento PDF.
.
Download della checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»

Cose da fare dopo aver prenotato!

, 7. giugno 2013 alle 9.23 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese giugno 2013 «I 10 migliori consigli sulla sicurezza per i viaggiatori»

Prima della prenotazione

.

Download della checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»

Tag e graffiti: tra arte di strada e reato

, 6. giugno 2013 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Alla fine del mese di aprile, quattro uomini, tre svizzeri e un franco-spagnolo, sono stati interrogati dalla polizia a Evian les Bains, nella vicina Francia. Sono stati accusati di essere gli autori di un tag di una cinquantina di metri su un treno fermo in stazione.

I graffiti sono una forma di arte grafica di carattere sociale, politico, astioso, religioso, decorativo o pubblicitario realizzati su un supporto pubblico o privato. I tag sono invece firme personali, spesso illeggibili e di esecuzione molto rapida. Si tratta frequentemente di uno pseudonimo apposto nel maggior numero di luoghi possibili dalla medesima persona. Può servire anche a delimitare un territorio tra le gang di strada. Quando i tag o i graffiti vengono realizzati su un bene pubblico o di terzi senza il suo esplicito consenso, siamo in presenza di un atto di vandalismo.

La prevenzione in questo tipo di forma di delinquenza si basa innanzitutto sulla teoria delle “broken windows”, secondo la quale i degradi di forma lieve subiti dallo spazio pubblico suscitano spesso una rovina più generale dei vari contesti di vita e delle situazioni umane che vi sono connessi. Occorre pertanto evitare il proliferare i tag o i graffiti, riducendo in questo modo la probabilità che ne compaiano altri. Più un luogo è caratterizzato da tag e cattivo stato di conservazione, più veicolerà insicurezza. Un autore sarà meno tentato di realizzare un tag su uno spazio pulito e in buono stato, piuttosto che un luogo già pieno di graffiti e sporco.
La prevenzione delle situazioni insegna che è necessario sorvegliare i luoghi pubblici a rischio, come ad esempio le stazioni. La sorveglianza di tali aree può avvenire in maniera fisica, con la presenza di forze di sicurezza pubbliche o private. I luoghi in questione possono essere sottoposti a videosorveglianza e anche un’adeguata illuminazione può costituire un deterrente.

I comuni possono implementare misure meno coercitive, come mettere a disposizione appositi spazi per la realizzazione di tag e graffiti. In questo modo gli autori possono dedicarsi alla loro arte in maniera assolutamente legale.


Consigli generali in materia di prevenzione del vandalismo

Cose da fare prima di prenotare!

, 5. giugno 2013 alle 7.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese giugno 2013 «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»

Prima della prenotazione

Download della checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»

Violenza giovanile al centro della preoccupazione degli specialisti

, 4. giugno 2013 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Nei cantoni, nelle città e nei comuni, c’è una varietà impressionante di misure preventive contro la violenza giovanile. Nonostante l’elevato interesse dei media nei confronti di questo argomento, risulta difficile anche per gli esperti ottenere una panoramica sistematica degli attuali programmi. Questo non è dovuto solo alla nostra vasta “Kantönligeist (differenziazione)” ma anche al fatto che alcuni programmi sono davvero efficaci nel prevenire la violenza giovanile che non è la preoccupazione primaria. In un progetto pilota, per esempio si sostiene un torneo di calcio. La prevenzione della violenza non si trova quindi in questo contesto ma è probabile che abbia un effetto positivo. Inoltre, ci sono numerosi progetti di piccole dimensioni che si adattano alle condizioni locali e proprio per questo carattere locale non richiedono la presenza su internet.

Il programma nazionale «Giovani e violenza», lanciato nel 2011 dal governo federale e che ha raggiunto la metà della durata ufficiale, cerca di facilitare questa panoramica degli esperti nel campo del lavoro giovanile. Una caratteristica particolare del programma è la partecipazione congiunta i confederazione, cantoni, città e comuni. Questa varietà di attori statali dovrebbe facilitare la cooperazione tra i professionisti. Oltre a una migliore collaborazione tra gli attori, si intende stabilire una base di conoscenze per la prevenzione della violenza, il trasferimento pratico e ad ampio raggio di conoscenze affidabili e il rafforzamento della collaborazione nei settori di prevenzione, intervento e repressione. Il programma ha inoltre finanziato progetti pilota e fornisce assistenza per lo sviluppo, l’implementazione e la valutazione delle misure.

Dopo la metà del programma, i partecipanti sono stati attirati a metà maggio 2013 al 4° incontro di rete a Zurigo da un saldo positivo. Le autorità di cantoni, città e comuni apprezzano lo scambio e la collaborazione nell’ambito del programma. Anche piccoli cantoni e comuni sanno che vale la pena investire tempo e denaro in una strategia di prevenzione della violenza. è importante garantire l’efficacia e la sostenibilità delle misure di prevenzione e percepire la prevenzione della violenza come un progetto globale. Il progetto “Giovani e violenza” pertanto non si limita alla violenza giovanile in uno spazio pubblico ma prende anche in considerazione le esigenze e le opportunità di famiglie e scuole.

Tema del mese giugno 2013 «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»

, 3. giugno 2013 alle 7.10 ore , Alcuni commenti  

Quando si intraprende un viaggio sono tante le cose a cui pensare e altrettante da preparare. Si è già contenti quando si riesce finalmente a mettere insieme tutto quello che dovrà entrare nel bagaglio – già questa è un’operazione abbastanza impegnativa che rende il periodo prima della partenza particolarmente stressante. Per facilitare la vita ci sono delle utili checklist messe a punto specificatamente per la preparazione dei bagagli e i preparativi in generale. Ma non manca ancora qualcosa? Sì, giusto, in tutto questo tourbillon si dimentica spesso il tema della «Sicurezza durante il periodo dei viaggi». E parecchi hanno dovuto fare la triste esperienza di trovare l’abitazione svaligiata al ritorno dalle ferie. Inoltre in vacanza spesso non si è vigili come si dovrebbe e i truffatori e imbroglioni ne approfittano per mettere a segno i loro colpi in modo mirato.

Per prevenire queste esperienze sgradevoli, la PSC ha pubblicato una checklist di due pagine con consigli e link relativi alle seguenti tematiche:

  • Consigli di viaggio, checklist per il viaggio e indirizzi dei consolati a cura del Dipartimento Federale degli Affari Esteri (DFAE);
  • Informazioni sui mezzi di pagamento e sui numeri utili per bloccare le carte di credito;
  • Gestione dei documenti personali;
  • Messa in sicurezza dell’abitazione;
  • Numeri telefonici d’emergenza e avvisi di partenza e ritorno
  • Cose da evitare assolutamente!

Nella checklist troverete inoltre informazioni sulle tecniche di truffa e imbroglio messe in atto più frequentemente nel periodo di vacanza:

  • Truffe su Internet
  • Borseggiatori
  • Furto con destrezza
  • Soldi falsi/Cambiovaluta/Skimming
  • Sedicenti funzionari
  • Simulazione di guasti alla macchina o incidenti automobilistici
  • Mediatori di multiproprietà disonesti
  • Bezness o truffe sessuali
  • Turismo sessuale minorile

La Checklist fornisce brevi ragguagli e attraverso appositi link potrete reperire altre informazioni o opuscoli contenenti consigli preziosi per la vostra sicurezza.

Il nostro suggerimento è quello di stampare la checklist, di completarla con le debite indicazioni e di portarla in vacanza con voi.

Download della checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»
Herunterladen der Checkliste «Sicherheit zur Reisezeit»
Télécharger la check-liste «vacances en toute sécurité» 

Protezione dal furto in vacanza!

, 30. maggio 2013 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese maggio 2013  «I 10 migliori consigli di sicurezza contro il furto»

Quando si intraprende un viaggio sono tante le cose a cui pensare e altrettante da preparare. Si è già contenti quando si riesce finalmente a mettere insieme tutto quello che dovrà entrare nel bagaglio – già questa è un’operazione abbastanza impegnativa che rende il periodo prima della partenza particolarmente stressante. Per facilitare la vita ci sono delle utili checklist messe a punto specificatamente per la preparazione dei bagagli e i preparativi in generale. Ma non manca ancora qualcosa? Sì, giusto, in tutto questo tourbillon si dimentica spesso il tema della «Sicurezza durante il periodo dei viaggi». E parecchi hanno dovuto fare la triste esperienza di trovare l’abitazione svaligiata al ritorno dalle ferie. Inoltre in vacanza spesso non si è vigili come si dovrebbe e i truffatori e imbroglioni ne approfittano per mettere a segno i loro colpi in modo mirato.

Per prevenire queste esperienze sgradevoli, la PSC ha pubblicato una checklist di due pagine con consigli e link relativi alle seguenti tematiche:

  • Consigli di viaggio, checklist per il viaggio e indirizzi dei consolati a cura del Dipartimento Federale degli Affari Esteri (DFAE);
  • Informazioni sui mezzi di pagamento e sui numeri utili per bloccare le carte di credito;
  • Gestione dei documenti personali;
  • Messa in sicurezza dell’abitazione;
  • Numeri telefonici d’emergenza e avvisi di partenza e ritorno
  • Cose da evitare assolutamente!

.
Nella checklist troverete inoltre informazioni sulle tecniche di truffa e imbroglio messe in atto più frequentemente nel periodo di vacanza:

  • Truffe su Internet
  • Borseggiatori
  • Furto con destrezza
  • Soldi falsi/Cambiovaluta/Skimming
  • Sedicenti funzionari
  • Simulazione di guasti alla macchina o incidenti automobilistici
  • Mediatori di multiproprietà disonesti
  • Bezness o truffe sessuali
  • Turismo sessuale minorile

.
La Checklist fornisce brevi ragguagli e attraverso appositi link potrete reperire altre informazioni o opuscoli contenenti consigli preziosi per la vostra sicurezza.

Il nostro suggerimento è quello di stampare la checklist, di completarla con le debite indicazioni e di portarla in vacanza con voi.

Download della checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»

Altre informazioni su www.skppsc.ch

Categoria Furto | Tags:

La prevenzione della pedocriminalità: spunti di riflessione

, 29. maggio 2013 alle 9.00 ore , Alcuni commenti  

In questi giorni, il tribunale di Ginevra ha accusato un uomo di pedocriminalità seriale nel cantone. Questa persona, 40 anni e apparentemente tranquilla, era conosciuta e apprezzata dai bambini. Come accade in molti casi di reato sessuale seriale, operava seguendo uno schema ben definito e rispettato in ognuna delle sue uscite. Ora è accusato di aver abusato sessualmente di 28 bambini dai 5 ai 10 anni tra il 1999 e il 2011.

Secondo il DSM IV, opera di riferimento nel campo della psichiatria, la pedofilia è considerata una devianza sessuale, altrimenti nota come parafilia, ed è definita come atto sessuale (rapporto sessuale, preliminare, desideri, fantasie, ecc.) con bambini in età prepuberale o più piccoli. Per una diagnosi psichiatrica, i pedofili devono avere un’età minima di 16 anni ed essere attratti da giovani con almeno 5 anni di differenza. Il desiderio per le giovani vittime deve avere una durata di almeno sei mesi. Il Codice penale svizzero prevede con l’articolo 187 una reclusione fino a 5 anni per aver commesso atti sessuali con bambini. Tuttavia, le misure di trattamento o di detenzione possono essere pronunciate a seconda delle circostanze.

In generale, in termini di prevenzione della pedocriminalità abbiamo bisogno di due protagonisti: la vittima e l’autore del reato.
I bambini devono essere adeguatamente avvisati in base all’età circa i rischi che potrebbero incontrare e il comportamento inappropriato che gli adulti potrebbero avere nei loro confronti. Questo deve essere fatto insegnando ai bambini, a partire da un’età molto giovane, che il loro corpo appartiene a loro stessi, che la loro intimità deve essere rispettata e che nessuno ha il diritto di violarla.

Gli autori del reato devono essere sostenuti in modo adeguato per ridurre la recidiva che è molto importante per questo tipo di reato. Il lavoro psicologico è quindi molto importante soprattutto nella considerazione e nel riconoscimento della vittima come anche nella ricerca di empatia. Diverse associazioni offrono la possibilità a potenziali autori di confidarsi per via anonima tramite una chiamata per ricevere consigli e impedire di mettere in pratica il reato. Questo metodo introdotto recentemente sembra essere un’interessante idea per la prevenzione.

Link al sito della Prevenzione Svizzera della Criminalità sul tema trattato

Link al sito di un’associazione (francese) di ascolto e sostegno per potenziali autori 

Tenete una lista degli oggetti di valore!

, 28. maggio 2013 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese maggio 2013  «I 10 migliori consigli di sicurezza contro il furto»

In collaborazione con l‘«Associazione per le informazioni sulla sicurezza », SKP ha redatto un elenco degli oggetti di valore che può essere scaricato come documento PDF oppure in formato Word.

In caso di furto, un elenco degli oggetti di valore compilato con cura, può essere molto prezioso per la polizia, poiché contiene tutte le informazioni relative agli oggetti di valore.

Un elenco degli oggetti di valore

  • facilita la denuncia presso la polizia,
  • semplifica le gestione della pratica con l’assicurazione domestica.

 

Potete scaricare l’elenco degli oggetti di valore e compilarla direttamente al computer.

Ecco i nostri consigli in merito:

  • per gli oggetti di difficile descrizione, inserite delle immagini degli stessi nell’elenco degli oggetti di valore.
    Queste immagini possono essere di grande aiuto per il ritrovamento degli oggetti.
  • Evidenziate gli oggetti di valore sprovvisti di codice identificativo, come p.es. televisori, impianti video e stereo, fotocamere e camcorder. Questa procedura è utile per dimostrare di essere i proprietari dell’oggetto in caso di furto e per un’eventuale sequestro da parte della polizia.
    Invece di un’incisione, che non può essere realizzata su tutti gli oggetti, possono essere usati appositi inchiostri per evidenziatura, applicabili con effetto visibile o invisibile, che si caratterizzano per l’elevata resistenza all’abrasione e l’elevato potenziale di riconoscibilità.
  • Custodite l’elenco degli oggetti di valore originale, assieme alle fatture di acquisto e alle fotografie, in un luogo sicuro (p.es. nella cassetta di sicurezza di un istituto bancario). Potete inoltre conservare in casa una copia dell’elenco degli oggetti di valore.

Altre informazioni su www.skppsc.ch

Scarica l’elenco degli oggetti di valore come documento Word o come documento PDF.

Indirizzi

Top 10 FAQ

Top 10 Downloads