Navigazione: Vai all'inizio del testo (salta il menu di navigazione), Vai alla ricerca, Vai alla selezione lingua, Via ai link importanti, Vai alle informazioni aggiuntive (salta il contenuto) Vai al menu di navigazione principale,

A A A

115 Articoli nella categoria Prevezione criminalità su Newsblog SKPPSC.

SCANDALO: uno «svizzero innocente» supporta la criminalità organizzata

, 21. ottobre 2014 alle 16.44 ore , Alcuni commenti  

L’associazione Stop-Piracy con la sua ultima campagna indica che molti cittadini e cittadine della Svizzera, a prima vista innocentemente, sostengono le attività criminali della criminalità organizzata. Questo avviene con l’ordine di articoli contraffatti online o con l’acquisto durante le vacanze all’estero da falsari. L’acquisto di prodotti contraffatti non è solo un reato minore o immorale, ma è semplicemente illegale!

Chi acquista orologi, borse, magliette, ecc. contraffati all’estero, è passibile di un’azione penale al suo ritorno in Svizzera. L’importazione privata di articoli di design e marchi contraffatti è infatti vietata, così come lo è la fabbricazione, l’offerta (per esempio nei mercati online), la vendita e l’esportazione di articoli contraffatti. Le stesse regole valgono per l’acquisto di beni contraffatti su internet.

Non solo bisognerebbe astenersi dall’acquisto di merci contraffatte perché è vietato dalla legge, ma anche perché l’industria della contraffazione fa parte della criminalità organizzata. I falsari e i contraffattori non danno molto valore a brevetti e diritti d’autore, né a condizioni di lavoro eque nei loro stabilimenti illegali. Non pagano le tasse e guadagnano un altro profitto per le loro contraffazioni a volte nocive per la salute.

La Prevenzione Svizzera della Criminalità consiglia:

  • Siate scettici se un prodotto apparentemente di alta qualità costa molto meno del solito. Se è troppo bello per essere vero spesso si tratta di una contraffazione e/o tentativo di frode.
  • Se siete stati truffati con articoli contraffatti, restituiteli al venditore e chiedete i soldi indietro.
  • Attenzione: non inviate gli articoli se i prodotti sono stati ordinati o acquistati all’estero! L’esportazione di prodotti contraffatti è un reato penale.
  • Comunicate sempre i tentativi di frode con articoli contraffatti alla polizia.


Noi siamo convinti che non solo Voi, ma anche la famiglia Filippini in futuro rinuncierà ad “affaroni” illeciti e immorali, di questo genere.

Stoppiracy_F200_IT_1

Nuove disposizioni doganali: imposta sul valore aggiunto e tributi doganali strettamente separati

, 11. luglio 2014 alle 11.40 ore , Alcuni commenti  

Da luglio 2014 sono in vigore delle nuove disposizioni doganali. Lo scorso aprile, il consiglio federale ha deciso di  semplificare le regole finora vigenti per il traffico turistico. Imposta sul valore aggiunto e tributi doganali saranno ora sistematicamente separati.

La modifica delle ordinanze relative alla tassazione di merci nel traffico turistico (OD-DFF) dovrebbe garantire un passaggio più snello della frontiera. Si prende in considerazione il fatto che i viaggiatori possano segnalare le proprie merci per via elettronica, ad esempio mediante tablet o smartphone, prima ancora di passare la frontiera.

Separazione di imposta sul valore aggiunto e dogana

Le merci che i viaggiatori introducono per regalarle o per l’utilizzo privato, sono esenti da imposta sul valore aggiunto fino a un valore di 300.- franchi (limite di franchigia secondo il valore). A partire dal 1.7.14, quindi, chi introduce delle merci, dovrà pagare la rispettiva imposta sul valore aggiunto solo se supera il v
alore limite definito.

Ma attenzione: non tutti i prodotti sono soggetti a questa «regola generale»! Per i tabacchi manifatturati, le bevande alcoliche e per certi alimenti, è ancora prevista e dovuta una certa quantità di tributi doganali. Quando si attraversa il confine, la prima cosa da considerare è il valore complessivo (Domanda 1, Valore: il valore complessivo di tutte le merci che si hanno al seguito supera i CHF 300.-? Se non è questo il caso, i prodotti sono esenti da tributi doganali e la persona che li introduce non deve pagare l’imposta sul valore aggiunto, a meno che non si superino i limiti di franchigia definiti (Domanda 2, Quantità).

Limiti di franchigia definiti per specifiche merci

fonte: ADF

fonte: ADF

Per alcune categorie di prodotti, come già accennato, valgono delle disposizioni aggiuntive. Nel caso in cui su superi una quantità stabilita esente da tributi doganali (il cosiddetto limite di franchigia), per la quantità eccedente (differenza tra la quantità introdotta e il limite di franchigia), i tributi doganali devono essere pagati. I tributi doganali si riscuotono nei settori merceologici per i quali, per motivi legati alla politica agricola o sanitaria, vi è una protezione. Tra di essi ci sono carne/preparazioni carnee, burro/panna, oli/grassi/margarina, bevande analcoliche e tabacchi manifatturati.

Tutto ciò potrebbe apparire complicato, ma in realtà è semplice (cfr. anche la figura, cliccare per ingrandire). La Domanda 2, Quantità, diversamente dalla Domanda 1, Valore, non si occupa dell’eventuale pagamento dell’imposta sul valore aggiunto, bensì, di chiarire, indipendentemente da un eventuale obbligo di versamento dell’imposta sul valore aggiunto, se vi sia obbligo di pagare i tributi doganali per via delle quantità eccedenti. A seguire sono riportati i dati sui limiti di franchigia (esenti da tributi doganali), e sulle quantità eccedenti (soggette a tributi doganali).

  • Carne: esente da tributi doganali fino a 1 kg, Eccedenza CHF 17 al chilo
  • Burro/panna: esente da tributi doganali fino a 1 kg, Eccedenza CHF 16 al chilo/ litro
  • Oli, grassi, margarina: esente da tributi doganali fino a 5 kg, Eccedenza CHF 2 al chilo
  • Alcool fino a 18% vol.: esente da tributi doganali fino a 5 l, Eccedenza CHF 2 al litro
  • Alcool oltre 18% vol.: esente da tributi doganali fino a 1 l, Eccedenza CHF 15 al litro
  • Sigarette/sigari: esente da tributi doganali fino a 250 pz., Eccedenza CHF 0.25 al pezzo
  • Altri tabacchi manifatturati: esente da tributi doganali fino a 250 g, Eccedenza CHF 0.10 al grammo

.

Occorre però considerare che le bevande alcoliche possono essere introdotte solo da soggetti che abbiano compiuto i 17 anni di età. Si precisa inoltre che con «carne» si intendono tutte le parti commestibili dell’animale – che si tratti di carne fresca, trasformata (salsicce, prodotti carnei/salumi) oppure speziata La distinzione tra i diversi tipi di carne viene meno con la nuova regolamentazione.

Tutte le altre merci non sono soggette a dazi doganali e quindi possono essere introdotte senza limitazioni inerenti la quantità (Domanda 2, Quantità). Invece è rilevante il valore delle merci – siano esse soggette ad obbligo di dazi doganali o meno – in relazione all’eventuale corresponsione dell’imposta sul valore aggiunto (Domanda 1, Valore).

L’opuscolo «Info dogana 2014 – Attraversare la dogana in Svizzera» dell’Amministrazione federale delle dogane (AFD) fornisce ulteriori informazioni, ad esempio a cosa bisogna prestare attenzione per quanto riguarda gli animali o i gioielli e spiega le tasse sul traffico stradale. Ulteriori dettagli e informazioni su divieti, restrizioni, autorizzazioni oppure importazione ed esportazione sono disponibili sul sito web dell’AFD.

«Une copie? Non merci!» Campagna di sensibilizzazione sui prodotti contraffatti

Nessuna variazione per quanto concerne l’introduzione di merci contraffate. L’importazione di prodotti contraffatti è tuttora vietata in Svizzera! Come già accaduto nell’aprile di quest’anno a Zurigo, l’associazione STOP PIRACY, in collaborazione con l’ufficio doganale dell’aeroporto di Ginevra, conduce una campagna di sensibilizzazione presso lo stesso aeroporto di Ginevra. Lo scopo della campagna è quello di richiamare l’attenzione dei viaggiatori sul problema della contraffazione e spiegare loro come fare per riconoscere, quando si è in ferie, prodotti contraffatti o piratati. La comunicazione ai media ricorda che le bande di contraffattori sono parte della criminalità organizzata, che non attribuisce alcuna importanza alla qualità, alle condizioni di lavoro, alle prescrizioni sulla sicurezza e agli aspetti sanitari. Gli interessati potranno ricevere informazioni e porre i loro quesiti, dal 4 al 13 luglio, presso lo stand di STOP PIRACY al 1° piano dell’aeroporto di Ginevra, dalle ore 9:00 alle ore 19:00.

Pornografia/Prostituzione – nuove disposizioni di legge a partire dal 1 luglio 2014

, 7. luglio 2014 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

A partire dal 1 luglio 2014, sono entrati in vigore alcuni emendamenti di legge per il settore pornografia/prostituzione (gli articoli di legge modificati dagli emendamenti sono comparati nel grafico allegato). In questo modo, la Svizzera soddisferà le condizioni per l’adesione alla convenzione del Consiglio Europeo per la protezione dei bambini dallo sfruttamento sessuale e dall’abuso sessuale (Convenzione di Lanzarote). A seguire riportiamo le informazioni sui punti principali.

Variazioni inerenti la pornografia

  • Aumento dell’età minima per la pornografia infantile da 16 a 18 anni.

……….–> Punibilità per reclutamento oppure organizzazione della partecipazione a rappresentazioni di ……………carattere pornografico
………………..** Pena detentiva fino a 3 anni oppure pena pecuniaria

  • Distinzione tra effettivo (reale, bambini e ragazzi in «carne ed ossa») e non effettivo (virtuale, fittizio, ad es. fumetti oppure giochi per computer) e atti sessuali con minorenni.

………………..** Effetti sulla possibile entità della pena

  • Punibilità per materiale pornografico, contenente atti sessuali con minorenni.

……….–> Punibilità in caso di: produzione, introduzione, detenzione, commercializzazione, elogio, …………..esposizione, proposizione, mostra, cessione, accessibilità, acquisto, approvvigionamento …………..e possesso.
………………..** Atti non effettivi: pena detentiva fino a 3 anni oppure pena pecuniaria
………………..** Atti effettivi: pena detentiva fino a 5 anni oppure pena pecuniaria

  • Punibilità per fruizione e atti finalizzati al consumo personale.

……….–>Punibilità in caso di: consumo o produzione, introduzione, detenzione,.acquisto, …………..approvvigionamento e possesso, il tutto a scopo di consumo personale
…………..……** Atti non effettivi: pena detentiva fino a 1 anno oppure pena pecuniaria
………………..** Atti effettivi: pena detentiva fino a 3 anni oppure pena pecuniaria

  • Legalizzazione di materiale pornografico con escrementi umani.
  • Restrizione per il sexting.

……….–> I giovani di età compresa tra 16 e 18 anni non si rendono perseguibili se, di comune accordo, ……………producono, possiedono o fruiscono di materiale pornografico.
……….–> Tuttavia, il materiale pornografico non deve contenere atti sessuali con animali oppure ……………atti violenti.

Variazioni inerenti la prostituzione

  • Aumento dell’età minima per la prostituzione legale da 16 a 18 anni.

……….–> Punibilità di soggetti liberi, che, previo compenso, hanno rapporti sessuali con minorenni o fanno ……………sì che tali atti sessuali possano svolgersi
………………..** Pena detentiva fino a 3 anni oppure pena pecuniaria
……….–> Punibilità per l’istigazione alla prostituzione minorile, con l’intento di trarne profitto
………..………** Pena detentiva fino a 10 anni oppure pena pecuniaria

Consenso sessuale

•    Rimane a 16 anni.
……….–> Chi è sessualmente consenziente, è libero di decidere con chi avere contatti di natura sessuale.
……….–> Età inferiore a 16 anni: atti sessuali con bambini, a meno che la differenza d’età non superi i ……………3 anni (Art. 187 del codice penale  CP)
……….–> Proporre, mostrare, cedere, rendere accessibile e diffondere pornografia legale a ……………persone sessualmente consenzienti resta un atto impunito.

Coverbild ohne Schrift

In relazione alle modifiche predette, la Prevenzione Svizzera della Criminalità ha rielaborato il pieghevole «Pornografia – tutto ciò che prevede la legge». Il pieghevole può essere già scaricato dal sito (www.skppsc.ch) oppure ordinato dalla vostra polizia.

Vorremmo inoltre richiamare la vostra attenzione sull’esempio 2 contenuto nel pieghevole «Cybermobbing – tutto ciò che prevede la legge». La vittima di cybermobbing, Anna, in quest’esempio ha 17 anni: dal momento dell’entrata in vigore dell’articolo penale emendato sulla pornografia, l’esempio 2 costituirà un caso di pornografia infantile. Ma attenzione: finché Anna si limiti a guardare o scambiarsi le foto con il suo ragazzo di 16 o 17 anni, entrambi restano impuniti ai sensi della «Restrizione sul sexting» prevista dall’Art. 197 cvp. 8 del codice penale CP. Nel caso in cui, invece, il suo ragazzo, cedesse le foto ad altre persone, allora sia lui, che Anna, che la terza persona, si rendono perseguibili ai sensi dell’Art. 197 apv. 4 o 5.

Con questi dati, speriamo di aver fatto un pò di chiarezza sulle nuove normative.

Prevenzione Svizzera della Criminalità

Cosa devo fare se vengo derubato all’estero?

, 29. maggio 2014 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese di maggio 2014: «Le 10 domande & risposte più frequenti sul tema della sicurezza nel periodo dei viaggi»

  • Segnali subito l’accaduto alla polizia al numero 117!
  • Se sono state rubate carte di pagamento o di credito, le blocchi immediatamente.
  • Se le è stato sottratto il telefonino, lo blocchi subito.
  • Se sono state rubate le chiavi di casa, con informazioni su dove vive, sostituisca immediatamente le serrature.

.

La nostra app sostituisce quindi le liste dei beni di valore da redigere a mano, alle quali abbiamo sempre fatto riferimento.

L’app è gratuita ed è disponibile da subito per iOS nell’ iTunes Store e su Google per Android!

        

Scaricamento di promemoria trappole di Furto

Download brochure: «Guide de la Police: Pour une meilleure sécurité»

Quali suggerimenti sulla sicurezza per l’uso di internet all’estero devo seguire?

, 27. maggio 2014 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese di maggio 2014: «Le 10 domande & risposte più frequenti sul tema della sicurezza nel periodo dei viaggi»

Oggigiorno siamo abituati a essere sempre e ovunque collegati in rete per sbrigare i nostri affari. Molti non ne possono fare a meno neppure in vacanza, dimenticando tuttavia che la sicurezza in certi luoghi lascia a volte a desiderare. Spesso si è tentati di accedere a internet attraverso una WLAN aperta anche per risparmiare sulle tariffe roaming che non sono certo a buon mercato. Ma attenzione, perché i vostri dati possono essere catturati con estrema facilità da estranei!

Questo rischio sussiste anche negli Internet Café. Infatti i computer possono essere infettati con keylogger in grado di registrare tutto quanto viene digitato sulla tastiera (login e password) per trasmettere quindi i dati agli imbroglioni. La cosa si fa particolarmente spinosa quando i dati bancari o quelli relativi alle carte di credito o il login di PayPal finiscono in mani sbagliate. Ma anche con la connessione a Facebook o Myspace i truffatori via internet sono in condizione di arrecare danni che possono costare cari. Attraverso le identità rubate i malviventi elemosinano magari denaro dagli amici di Facebook o altri social network adducendo come scusa di essere stati ad esempio derubati all’estero.(Wikipedia.de: Social Enineering [http://de.wikipedia.org/wiki/Social_Engineering_(Sicherheit)]

Nove consigli di viaggio della Prevenzione Svizzera della Criminalità:

  1. Quando utilizzate un Internet Café o terminal pubblici astenetevi di regola dall’online banking e dagli acquisti online. Se dovete assolutamente eseguire queste operazioni si raccomanda di utilizzare la tastiera su schermo di Windows. I dati inseriti in questa modalità non possono essere registrati. La tastiera virtuale si trova digitando Start > Accessori > Accessibilità > Tastiera su schermo.
  2. Dopo l’utilizzo di un computer in un Internet Café o in terminal pubblici eliminare i file temporanei del browser, la cronologia e i cookies.
  3. Non dimenticate di fare il logout quando vi siete registrati a un sito web come utente; in caso contrario il prossimo utente del computer potrebbe avvalersi del vostro accesso.
  4. Per l’invio di saluti dalle vacanze è buona norma creare prima della partenza un account dedicato. In caso di furto dei dati d’accesso non verrebbe resa pubblica tutta la vostra corrispondenza elettronica.
  5. Utilizzate solo WLAN-hotspot protetti e sicuri.
  6. Se si utilizzano WLAN-hotspot e reti dell’albergo col proprio notebook è tassativo equipaggiarlo con una protezione antivirus e un firewall.
  7. Alternative alle reti WLAN: l’utilizzo di una carta UMTS è costoso ma comporta molto meno rischi.
  8. Suggerimento specifico per possessori di notebook: è consigliabile archiviare tutti i dati riservati prima della partenza su disco fisso in un archivio criptato ed eseguire un backup supplementare.
  9. Prestate la massima attenzione quando usate chiavette USB altrui, in quanto possono comportare un elevato rischio di infezione da virus.

.

Siate vigili in vacanza e tornate freschi e riposati!
Il Team della Prevenzione Svizzera della Criminalità

Download della checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»

Come posso proteggermi dai truffatori durante le vacanze?

, 22. maggio 2014 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese di maggio 2014: «Le 10 domande & risposte più frequenti sul tema della sicurezza nel periodo dei viaggi»

Un elenco completo dei furti con destrezza più comuni è disponibile sul sito della polizia federale tedesca: www.bundespolizei.de

Download del PDF / dell’e-book «Conosco il trucco!»

Scaricamento di promemoria trappole di Furto

Download della checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»

Categoria Prevezione criminalità | Tags: ,

Come posso proteggermi dai borseggiatori durante le vacanze?

, 20. maggio 2014 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese di maggio 2014: «Le 10 domande & risposte più frequenti sul tema della sicurezza nel periodo dei viaggi»

I centri turistici sono gli ambiti di attività preferiti dei borseggiatori, che si organizzano in gruppi all’interno dei quali ciascuno ha un suo compito da svolgere. Un classico borseggio viene effettuato spesso da diversi complici, ciascuno dei quali opera come il dente di un ingranaggio perfettamente combinato.

Esistono, ad esempio, le seguenti funzioni:

A) L’esploratore
Cerca la vittima e informa il resto del team sul soggetto da derubare.

B) Il complice addetto alla manovra diversiva o adescatore
Questa/e persona/e ha il solo compito di avvicinare la potenziale vittima.

C) Il borseggiatore
È il complice che esegue a tutti gli effetti il furto.

D) Il complice addetto a “portare in salvo la refurtiva”
Nel giro di pochi secondi dopo il furto, la refurtiva viene consegnata a questo complice, che poi sparisce dalla scena.

Anche se vi accorgete subito del furto e pensate di aver identificato il ladro, la refurtiva è già lontana e quindi il crimine non è provabile. Ecco perché è importante fare attenzione per non farsi fregare!

I luoghi particolarmente a rischio sono:

  • Ÿ Raduni e situazioni affollate
  • Ÿ Stazioni/Aeroporti
  • Ÿ Mezzi pubblici
  • Ÿ Code
  • Ÿ Monumenti
  • Ÿ Mercati
  • Ÿ Centri commerciali
  • Ÿ Semafori pedonali

Le manovre diversive più utilizzate sono:

  • ŸTrucco del gelato o della macchia
    Qualcuno vi macchia con un gelato, della senape o qualcosa di simile e poi si dimostra “collaborativo“, aiutandovi a pulirvi e… sfilandovi il portafogli.
  • Trucco dell’urto
    Qualcuno vi urta e nel medesimo istante un complice vi ruba il portafogli.
  • Trucco della spinta
    Sulla scala mobile o in coda, qualcuno vi spinge e, in modo fulmineo, vi ruba il portafogli.
  • Trucco dei fiori
    Qualcuno vi mette in mano un “fiore gratis“ e vi ruba gli oggetti di valore.
  • Ÿ e molte tecniche e scenari fantasiosi…

 

I prossimi video mostrano come funzionano alcuni di questi trucchi.

Il furto del portafogli, video di 4 minuti (solo in tedesco)


La Prevenzione Svizzera della Criminalità consiglia:
godetevi le ferie, ma con gli occhi bene aperti!

Télécharger la check-liste «vacances en toute sécurité»

Perché non dovrei rendere pubblica la mia assenza?

, 15. maggio 2014 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese di maggio 2014: «Le 10 domande & risposte più frequenti sul tema della sicurezza nel periodo dei viaggi»

  • Non modificate il messaggio della segreteria telefonica per informare della vostra assenza chi telefona!
  • Non comunicate la vostra assenza su Facebook, Twitter o altri social network!

.
Download della checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi»

Categoria Prevezione criminalità | Tags: ,

Come posso rendere sicura la mia casa durante la mia assenza?

, 13. maggio 2014 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese di maggio 2014: «Le 10 domande & risposte più frequenti sul tema della sicurezza nel periodo dei viaggi»

Che amara sorpresa quando al rientro dalle ferie ci si accorge che la propria casa è stata svaligiata dai topi d’appartamento! Oltre alla perdita finanziaria per molte vittime risulta scioccante constatare che estranei si siano introdotti nella loro sfera privata, abbiano frugato dappertutto rubando oggetti di valore affettivo.
Ma è possibile prevenire tutto ciò! E prevenzione non significa necessariamente investimenti costosi. Anche dispositivi modesti e soprattutto precauzioni che non costano niente prese in fase di preparazione del viaggio possono far desistere ladri e scassinatori dal mettere a segno i loro colpi.
Troverete consigli speciali per il periodo delle vacanze nella nostra checklist «Sicurezza durante il periodo dei viaggi».

Altri consigli su come rendere sicura la propria casa / il proprio appartamento, si trovano nel nostro nuovo opuscolo sulla protezione dall’effrazione «Stop ai ladri!».

Come posso proteggere gli oggetti di valore che porto in viaggio con me?

, 9. maggio 2014 alle 8.00 ore , Alcuni commenti  

Tema del mese di maggio 2014: «Le 10 domande & risposte più frequenti sul tema della sicurezza nel periodo dei viaggi»

Nei precedenti newsblog vi abbiamo fornito dei consigli su come proteggere la vostra proprietà. Sia con la nostra lista di controllo «Sicurezza durante il periodo dei viaggi» che con l’opuscolo « Stop ai ladri!» o ancora con l’opuscolo « «Conseils pour se protéger des voleurs» (solo desponibile in francese o en tedesco . Ma se, nonostante tutto, si subisce comunque un furto, allora comincia la concitazione e si deve andare alla ricerca di documenti e fotografie degli oggetti sottratti. Uno stress in più, oltre a quello derivante dal danno già subito.
E proprio per prevenire questo ulteriore stress, la PSC ha pubblicato un’app per la lista dei beni di valore.

Grazie a questa app potrete registrare comodamente e semplicemente i vostri beni di valore mediante fotografie degli stessi, potrete attribuirli a una categoria, inserire ulteriori informazioni come il prezzo e la descrizione e assegnare delle parole chiave per la ricerca.
I vostri dati saranno protetti e salvati in modo anonimo.
In caso di effrazione o furto p otrete effettuare il login nel vostro account online dal sito www.skppsc.ch/app. Lì potrete contrassegnare tutti gli articoli rubati. Il sistema vi invierà poi un PDF con tutti gli articoli rubati che potrete utilizzare per sporgere denuncia alla polizia o che porterete alla vostra assicurazione. Così, almeno per quest’operazione, potrete evitare una ricerca inutile e la perdita di tempo. Inoltre, per la polizia è molto utile ricevere delle fotografie. In questo modo sarà possibile risalire a voi in caso di recupero della refurtiva. Nell’approntare le fotografie sarebbe pertanto buona norma immortalare anche le particolarità ovvero le caratteristiche o gli errori, i vizi e affini degli oggetti.

La nostra app sostituisce quindi le liste dei beni di valore da redigere a mano, alle quali abbiamo sempre fatto riferimento.

L’app è gratuita ed è disponibile da subito per iOS nell’ iTunes Store e su Google per Android!

        

Indirizzi

Top 10 FAQ

Top 10 Downloads